Benvenuto login o registrati.
l'iguana editrice
AMAMI PER RENDERMI BLOG
Tu non sai che il mio stomaco fa male e il mio cuore è pieno di sassolini. Che alcune notti insonni grido di uscire dal tailleur gessato da prigioniera per correre a piedi nudi sui prati, bambina, cadere e alzarmi…
il blog: http://amamiperrendermiforte.wordpress.com/
Facebook
[vedi]
frontespizio-olympe.JPEG
LA PROSSIMA IGUANA: OLYMPE DE GOUGES

Quello che ho sono troppe domande. Sono una collezionista di domande. Mi chiedo per esempio quando, noi donne, potremo decidere il nostro destino? Mi chiedo come mai a questa rivoluzione convenne l’azione rivoluzionaria delle donne, e adesso chiudono i nostri club, ci appartano nelle assemblee, vogliono farci tacere a tutti i costi in pubblico? E noi ci azzuffiamo le une contro le altre, in strada! Che stupide! Mi chiedo nella pelle di che bestia ha vissuto Robespierre prima di diventare la scura bestia che è ora. Gufo? Rettile giallo cenere? Zanzara succhia sangue? 
DAL 2 MARZO
SUI MIGLIORI COMODINI D’ITALIA
frontespizio-ho-tentato.JPEG
È stato bello mostrarmi a voi per quella che sono, niente di più niente di meno – eliminando perciò ogni falsa aspettativa che può essere sorta dall’idea che Currer Bell potesse giustamente pretendere lo pseudonimo maschile che egli, forse con una certa presunzione, aveva adottato.
 Letterate Magazine n. 119

VIVIANA SCARINCI recensisce
LA PASSIONE DI UNA FIGLIA INGRATA 
di SAVERIA CHEMOTTI


«Il libro di Saveria Chemotti è scritto in prima persona col piglio di quelle narrazioni autobiografiche che costringono lettrici e lettori a un rispecchiamento cui è difficile sottrarsi. L’epoca in cui ci si trova a assistere le propria madre, come fa la figlia protagonista di questo romanzo, prelude spesso a una vera e propria cerimonia iniziatica in cui l’istinto di conservazione e di resistenza che ci ha reso adulte si scontra col naturale deperimento di ciò che ci ha originato. Tuttavia la storia di Gilda è una storia particolare perché l’origine con cui la protagonista fa i conti, nell’ambito di questa cerimonia officiata dalla scrittura, è duplice: quella naturale, costituita da sua madre, rapita giorno dopo giorno dalla demenza senile e quella acquisita, rappresentata dal ricordo indelebile di una nonna, madre adottiva di quella stessa madre che Gilda sta assistendo».
frontespizio-figlia-ingrata.JPG
L'IGUANA CHE VIENE PRIMA
La relazione con la madre: viscerale, ardente, estenuante. Sempre. Soprattutto, un groviglio ai limiti del tempo e del pensiero. E se le madri sono due?
CAMPAGNA IGUANESCA 2014: ADDOTTA ANCHE TU UNA GAZZELLA!
Il riscatto esige un costo, la salvezza implica almeno una colpa. Eppure non esiste misura per stabilire una corrispondenza esatta: una piccola redenzione comporta spesso un sacrificio tremendo.