In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]

IL COMPLESSO DI ANTIGONE

autrice Cecilia Sjöholm
traduttrice Evelina Somenzi
pagine 320
ISBN 978-88-98174-07-2
prezzo di copertina € 16,50
Prezzo di listino € 16,50
Risparmio 10%
Prezzo scontato € 14,85
Quantità:

Se ritenete il complesso di Antigone un paradigma inversamente proporzionale al vecchio Edipo, siete fuori strada. Perché Antigone cambia addirittura i presupposti della questione.
L’indagine filosofica puntuale e disinvolta di Cecilia Sjöholm, da Wollstonecraft a Butler passando per Hegel, Freud, Heidegger, de Beauvoir, Lacan e Irigaray, con un paio di incursioni nel cinema contemporaneo, punta dritto a sciogliere il nodo di etica e desiderio screditato dal campione maschile di razionalità, che ha relegato il femminile, enigmatica mancanza d’essere, a un’emotività fatale.
Ma Antigone, che incarna il senso dell’altro e una differente etica del quotidiano, sfida qualunque tentativo di prescrivere un modello strutturale o una funzione effettiva. Ha a che fare, piuttosto, con la complessità che il desiderio femminile chiama inevitabilmente in causa.
Il complesso di Antigone rivela qualcosa di fondamentale sulla relazione tra gli oggetti e la legge che li pone. Il desiderio di Edipo è equivalente alla legge, e agli oggetti posti per mezzo di quella legge. Questo rende più facile per lui vivere nell’illusione che il desiderio sarà continuamente sostenuto, ininterrotto, e soddisfatto. Antigone è più inquietante. Dimostra che il desiderio non è garantito da alcun significante o ordine trascendentale.

Il complesso di Antigone rivela qualcosa di fondamentale sulla relazione tra gli oggetti e la legge che li pone. Il desiderio di Edipo è equivalente alla legge, e agli oggetti posti per mezzo di quella legge. Questo rende più facile per lui vivere nell’illusione che il desiderio sarà continuamente sostenuto, ininterrotto, e soddisfatto. Antigone è più inquietante. Dimostra che il desiderio non è garantito da alcun significante o ordine trascendentale.

 

 

 

 
 
condividi in: