In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]

LA VIDA VENCIENDO A LA MUERTE

Una declinazione filosofica del materno che diventa esperienza dell'agire politico.
IL MANIFESTO
autrice Ludmila Bazzoni
pagine 140
ISBN 978-88-98174-02-7
prezzo di copertina € 14,00
Prezzo di listino € 14,00
Risparmio 10%
Prezzo scontato € 12,60
Quantità:

Nella primavera del 1977, a Buenos Aires, quattordici donne si affacciavano sulla scena pubblica proclamandosi, prima di tutto, madri di desaparecidos. Marciando sulla piazza nel cuore della città con i capelli raccolti in anonimi fazzoletti bianchi, di giovedì in giovedì quel piccolo gruppo diventava un movimento grande. Erano le Madres de Plaza de Mayo. Ludmila Bazzoni, nata e cresciuta in Argentina, mette in gioco gli strumenti raffinati delle teorie politiche, i guadagni del pensiero femminile e le testimonianze di una lingua che è anche sua, per proporre una lettura avvincente e squisitamente filosofica di quel movimento. E passando per le riflessioni di Hannah Arendt, Judith Butler, Adriana Cavarero e Olivia Guaraldo, l’autrice mostra come, portando fuori casa relazioni autentiche, saperi quotidiani e una buona dose di senso pratico, le Madres hanno trasformato la perdita, un vacío, in una vera e propria rivoluzione simbolica. Inaugurando una politica del tutto inedita.
Introduzione di Olivia Guaraldo.

 

«Bisogna sempre provare a pensare quello che non è ancora pensato», mettere al mondo una novità, produrre un cambiamento inatteso. Perché il proposito delle Madres de Plaza de Mayo non si risolveva semplicemente determinando una presenza scomoda per il piano dittatoriale.
Esaltare la vita mentre tutti parlavano di morte e mettere politicamente in gioco la maternità: questo sì, apriva un nuovo orizzonte simbolico in cui la perdita, il vuoto, un vacío, non veniva elaborato ma, imprevedibilmente, convertito nello spazio accogliente di un agire radicalmente trasformativo. E proprio qui, varcato il confine tra quotidianità e politica, accadeva l’imprevisto.

 

 

condividi in: