In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]

RACCONTAMI TU

Maristella Lippolis sa cogliere con intelligenza la verità sui destini delle donne.
CORRIERE DELLA SERA
autrice Maristella Lippolis
pagine 190
ISBN 978-88-98174-25-6
prezzo di copertina € 15,00

leggi la scheda

scarica
Prezzo di listino € 15,00
Risparmio 10%
Prezzo scontato € 13,50
Quantità:
Un viaggio a notte fonda, una bambina seduta accanto, una meta sconosciuta. Da cosa scappa Caterina? E poi Dina, con la sua evasione in piena regola e il tentativo struggente di confondersi tra la folla. Da cosa scappa? In ne Alice, così determinata a ricominciare da capo, pronta a offrire a tutte una nuova occasione. Ma il suo male nascosto è in agguato. Anche lei sta scappando?
Unite dal caso, senza un piano di fuga preciso e costrette a guardarsi alle spalle, le tre donne impareranno a darsi una dell’altra e a contrattare giorno per giorno il prezzo della libertà da un passato insidioso.
In questo romanzo intenso e tesissimo Maristella Lippolis mette in gioco la potenza delle relazioni e l’attitudine femminile al racconto di sé, e con l’intreccio esemplare delle vicende mostra che ogni storia trova sempre compimento nell’inizio di un’altra.



 
Quando cammino per strada sento che nessuno sa chi sono, e ora che i miei capelli sono corti e scuri credo che non mi riconosceresti nemmeno tu, se mi incontrassi per caso. Chissà se è questa, alla ne, la libertà, questo camminare da sola senza preoccuparsi che qualcuno ti riconosca, senza paura che ti venga incontro un uomo che ti parla nella tua lingua, pronuncia il tuo nome e all’improvviso tira fuori un coltello e te lo in la nella pancia. Spesso faccio questo sogno di notte e mi sveglio tutta sudata e con il cuore in gola. Se morissi così nessuno potrebbe avvisarti, perché quando esco non porto mai i documenti per paura di perderli. E se venisse fuori qualche voce sul vero mestiere che facevo racconteresti una bugia a nostra madre per non farla soffrire, finiresti per crederci anche tu, e di me non si parlerebbe più. Tutto finito, e la mia storia non la saprebbe nessuno. Quando riuscirò a trovare il coraggio di telefonarti ti racconterò poco per volta tutti i guai che ho combinato finora. Magari comincerò dalla fine.

 

 

condividi in: