In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]

Abbiamo cercato parole di donne che hanno saputo contrattare con il linguaggio per librarsi in volo e inventare espressioni di felicità, slancio, entusiasmo, ironia, tenacia. E le abbiamo trovate.
Siamo liete di annunciare i nomi delle vincitrici del concorso. Pubblicheremo i loro racconti a giugno, in un'edizione speciale.

Barbara Buoso, Nevicata
Mara Barbuni, Ellen e Julia
Laura Ruzickova, … e io corro
Silvia Battistella, La digestione di un amore
Monica Bauletti, Martina vede le cose
Francesca Cenerelli, Di nome Sile
Barbara Lisci, Librarsi
Federica Marzi, La donna che era salita sull’orso d’acciaio
Laura Marzi, Nòccioli
Carla Menon, Artemisia
Paola Nasti, Un inseguimento
Maria Orlando, Giulietta
Raffaella Poli, Il canarino e l’anello
Ivi Tsamopulos, Occhio per occhio
Elena Zilio, Sette su dieci

Il concorso, in collaborazione con Lìbrati-Libreria delle donne di Padova, nasce perché sappiamo bene che la storia dell’intimità straordinaria tra le donne e la scrittura pretende il nostro impegno. Urla i nostri nomi a squarciagola. E li scandisce bene uno per uno.
Sono i nomi delle donne che hanno il cervello rutilante di parole e di frasi, magari di libri interi. I nomi delle donne che scrivono, frenetiche, fino a notte fonda. O di quelle diligenti che si svegliano la mattina presto per buttare giù almeno qualche riga, fino a quando, bevendo l’ultimo sorso di caffè freddo, chiudono il quaderno e spengono il computer per scappare a scuola, al lavoro o a scarrozzare figli qua e là, spinte da una smania che non coglie la parola giusta o le vorrebbe tutte per sé, senza regola. Perché rimane sempre qualcosa di non articolabile. Una contrattazione senza fine! Così ci pensano su, strada facendo. 
Sono i nomi delle donne che tengono chiusi fogli e fogli in attesa nell’angolo buio di un cassetto, tra vecchie fotografie, lettere di vent’anni fa e biglietti di auguri stropicciati. Le donne che un bel giorno passano dall’ufficio postale per spedire fascicoli preziosi a un editore e aspettano con il fiato sospeso. 
I nomi delle donne per cui scrivere è un’impresa scoraggiante, eccome, ma altrettanto irresistibile. Le donne che avviano riviste letterarie online o circoli di lettura, che scrivono per due lire o per niente. E anche i nomi delle donne che sanno afferrare l’occasione buona. Come questo concorso.


La giuria:

Annalisa Bruni, scrittrice e pubblicista
Laura Capuzzo, libraia di Lìbrati
Saveria Chemotti, scrittrice e docente universitaria
Carla Menaldo, scrittrice e giornalista
Giulia Belloni, scrittrice ed editor
Liliana Rampello, scrittrice e saggista
 

Inserito il:12/04/2016 21:41:44
Ultimo Aggiornamento:16/04/2016 12:55:07
condividi in: